sabato 27 novembre 2010

Sceglie da solo

Perde d'intensità, non riesco a fermarlo.
Il mio sguardo vaga nella nebbia e
a volte senza motivo, ad un tratto,
da solo,
perde d'intensità.

Sono sicuro, non è la nebbia spessa,
né la foschia che avvolge le mani
e i pensieri: è lui, è lui che sceglie,
da solo,
e ora... ora decide di morire.

Le ombre pesanti avanzano lente,
o meglio è luce che va via
da quel che vedo; è buio, e si sente.
Sono da solo,
e l'oscuro non è mio amico.

No, non lo è affatto.

1 commento:

  1. Invece, secondo me, a volte l'oscuro è amico, è d'aiuto

    RispondiElimina