venerdì 1 ottobre 2010

Ancora Noia

Momenti di noia, lame spuntate
grondanti il mio sangue amaro;
trafiggono il cranio, la pelle, le ossa:
dilaniato dalla noia, così io morirò.

E' scritto, è scritto ovunque;
nelle foglie, nelle mani,
nelle parole che viscide nuotano
nell'aria che respiro, ogni giorno.

E' noia, è un sentimento antico;
di pane e di miele io morirò.

2 commenti:

  1. e c'è chi dirà che c'è un modo migliore

    De Andrè

    RispondiElimina
  2. Bhè... "complimenti" mi sembra il minimo eh Luì?!

    RispondiElimina